Linguine alle vongole

Pasta con le vongole

Questa avventura su Tik Tok mi sta facendo ammattire. Registrare ricette per uno, facili, veloci e senza spreco è impegnativo. Sabato scorso sono passata dal mio pescivendolo di quartiere (un po’ tardi rispetto al solito e quindi ero sicura di trovare poco e niente) per farmi ispirare qualcosa di buono. Il weekend è il momento che ho un po’ più di tempo da dedicare alle mie passioni, e la cucina è una di quelle. Spesso salto i pasti o mordicchio una carota, perché per me cucinare è un atto d’amore, soprattutto verso se stessi. E se non ho tempo di farlo, preferisco non mangiare.

Ed eccole li. Le vongole. Anzi i Lupini. Gli ultimi rimasti. Aspettavano proprio me.

  • Mezzo chilo di Lupini
  • Limone del mio albero
  • Prezzemolo del mio orticello sul terrazzo
  • Vino, un goccio
  • Olio, sale e amore qb
  1. Lanciare le vongole dall’alto dentro una pentola. Un mio amico ristoratore di pesce me lo consigliò nel primo lockdown quando mandava box di alimenti per cucinare a casa i loro piatti, e da quel momento il lancio della vongola è stato eletto a nuovo sport nazionale.
  2. Acqua tanta e sale. Facciamole spurgare con calma almeno 4 ore. Io a metà le sposto dentro la lava asciuga insalate così la sabbia rimanente va in fondo e io sollevo solo il cestello. Seguitemi per altri consigli non richiesti.
  3. Pentola e acqua per la pasta. Io spaghetti. Vongola chiama spaghetti.
  4. Padella, olio, e via di vongole. Allora fino a poco fa aspettavo che l’olio fosse caldo caldo e poi le buttavo schizzando di olio mezza cucina. Poi ho chiesto ad uno chef se era proprio necessario e lui ha ghignato. Quindi ho dedotto di no, ma possiamo aprire una discussione mentre apriamo il vino per versare un goccio nella padella e l’altro nel bicchiere.
  5. Copriamo, abbassiamo il fuoco e aspettiamo che si schiudano dolcemente, ma senza cucinarle troppo.
  6. Scoliamo la pasta con un forchettone o con un cucchiaio scola pasta, così risparmiamo tempo, sporchiamo di meno e teniamo l’acqua per la pasta.
  7. ATTENZIONE. In questo blog non si discute di quanto devono cucinare pasta e riso. A casa propria ognuno cucina il tempo che gli pare, io do solo i passi da seguire.
  8. Pasta in padella, alziamo il fuoco, mezzo limone e via di mantecatura. Se è secca goccio di acqua di cottura.

Allora io mezza Beautiful mind, mentre la pasta finisce di cuocere sguscio quasi tutte le vongole e ne mangio abbastanza. Insomma una la sguscio e una la mangio, ma tutti qui gusci nel piatto mi fanno mangiare sempre la pasta fredda. E come sopra, in questo blog non si ha tempo da perdere, non si impiatta per fare i fighi, non si fanno video dove mastico i miei piatti, perché andiamo per uno e il cibo e buono caldo.

Per gli impiattamenti ci sono i ristoranti.

di seguito lascio la versione con le vongole veraci, con le linguine al posto degli saghetti e con gli gnocchi di barbabietola.

Articoli simili