Cavoletti di Bruxelles in Agrodolce

Ho il ricordo da ragazza, dell’odore di cavolo o broccolo di prima mattina mentre sorseggiavo il caffè. Già, bleahhhhhh! Nonna faceva quello da pensionata, e anche prima forse, cucinava per noi. Però lei i cavoletti di Bruxelles non li faceva, ma di base, se li lessi, l’odore è quello, e ti invade tutta casa.

Da grande, ho provato a dargli un senso che non fosse solo lessarli, o metterli al forno o riempirli di cose formaggio al gratin. Ed ecco qua la mia versione agrodolce, non proprio light, ma di compagnia.

  • 400gr di cavoletti
  • una mela
  • una cipolla piccola
  • uvetta
  • due cucchiai di olio d’oliva
  • un cucchiaio di sciroppo d’acero
  • un cucchiaio di aceto balsamico
  • due prese di sale
  1. cavoletti alla mano, taglia il fondo (sempre un po’ rinsecchito quando li compri) e leva le foglie più esterne. Se li prepari appena li compri avrai poche foglie da levare, ma di la verità che li hai comprati perchè tutti dicono che fanno bene e tu li hai li, qui morti in frigo dal 72?
  2. Tagliali a metà e lavali bene
  3. Mela a cubetti, cipolla idem
  4. In una ciotola versa frutta e verdura e aggiungi olio, sciroppo d’acero, aceto balsamico, una spruzzata d’acqua, e amalgama con le mani
  5. fai riposare un po’ così gli ingredienti assorbono il condimento
  6. aggiusta di sale, cospargi di uvetta (questa volta non ravvivata)
  7. adagiali in una teglia, e via in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti

Ora parte la polemica, perchè mi dite di metterlo a 200° per 40/60 minuti e a 30 ho sentito l’odore di bruciato?!?!?!?! (la mia crociata contro le ricette online non sta andando bene ecco).

Li ho salvati per miracolo la prima volta, quindi 180° bastano e avanzano.

Articoli simili