Ciao 2018

Di norma verso la fine dall’anno uno si ritrova a fare un ultimo bilancio. Si saluta l’anno passato, rivedendo come in un film tutto quello che è successo. Eppure, non riesco a vedere bene l’anno passato. Troppe cose, troppo veloce. Credo che lo ricorderò come l’anno “lampo”. 365 giorni, due città, un trasloco (di nuovo), […]

Continua a leggere

La mia Milano

Dove eravamo rimasti? Ah già, al primo giorno della mia nuova avventura. Il primo pensiero che mi affiora la mente quando apro gli occhi va al primo giorno che sono arrivata a Milano. Una città che non conoscevo e che mi ha incantato da subito. Sembra ovvio, ma col senno di poi, non così tanto. […]

Continua a leggere

14 marzo 2011 – 31 marzo 2017

Ricordo come se fosse ieri il mio ultimo giorno di lavoro, in quella che era stata la mia casa per 6 anni. Era venerdì. Era fine mese. Mi ero promessa di chiudere alle 18. Il giorno dopo sarebbe stato il primo aprile, il tutto poteva sembrare uno scherzo. Sembrava una scena di un film, il film di […]

Continua a leggere

Pomodoro

Se ci penso bene, il pomodoro è sempre stato tanto presente nella mia vita. A lui associo ricordi più o meno belli: papà che da piccola mi faceva la pasta alla Checca, preparare la salsa di pomodoro fatta i casa con i genitori di un ex, come prodotto principale onnipresente quando stavo a dieta, insomma, […]

Continua a leggere

Day 30: La frase che mi rappresenta adesso

Si alguien te pregunta “dònde queda Venezuela?”, responde: “En el pecho, a la izquerda.” Traduzione: Se qualcuno ti dovesse chiedere dove sta il Venezuela, rispondi, nel petto, a sinistra. Le frasi che mi rappresentano potete seguirle sulla pagina FB.  

Continua a leggere