Pesto Fresco

Il pesto mi ricorda l’adolescenza. Lo faceva sempre Papo quando vivevamo insieme e ci andava di mangiare qualcosa di veloce, fresco e leggero, perché noi a casa il pesto lo facciamo a modo nostro: senza aglio e al volo.

Crescendo poi ho imparato a congelarlo per le sere in cui nel frigo c’è l’eco, quando qualche amico arriva all’improvviso o quando hai voglia di ricordi d’estate.

Il pesto è un tipico condimento della Liguria, a base di basilico, olio d’oliva, pinoli, aglio e parmigiano.

Il basilico, l’ingrediente principale del pesto, esiste in più di 50 varietà. Quello genovese ha un profumo molto delicato ed è privo di quel retrogusto di menta che invece è spesso riconoscibile nelle altre varietà e finalmente si é anche riusciti a DOP-izzarlo.

La ricetta originale del pesto richiede un mortaio, l’aglio e tanta pazienza ma io purtroppo non riesco proprio a soffrirlo soprattutto per il colore spento e la salsa che all’occhio non è amalgamata.

Quindi ecco a voi la mia versione personale.

Ingredienti:
50 foglie di basilico genovese (lasciatene qualcuna per decorare il piatto)
Una manciata di pinoli leggermente tostati
30 gr di Parmigiano Reggiano (almeno 24 mesi)
Olio d’Oliva qb
Poco sale grosso (se non sapete dosarlo usate quello fino è sempre più sicuro)
Pinoli

Procedimento:
1. Tostate leggermente i pinoli.
2. Mettere nel frullatore: basilico, pinoli, e sale, parmigiano e un goccio di olio d’oliva. Accendete il frullatore.
3. I frullatori hanno un tappino sopra, apritelo e versate a filo l’olio d’oliva fino ad avere una consistenza cremosa, non oleosa (vedete slide show in basso).

Tips

1. Vi dicevo che non amo il pesto slegato, per questo motivo uso il frullatore di vetro, ma questo comporta un problemino. Le lame di metallo girando velocemente si scaldano e il caldo ossida il basilico. Quindi io infilo il frullatore nel freezer per un po’ se ho programmato di farlo o frullo due cubetti di ghiaccio se improvviso la cena.
2. Non lavo quasi mai il basilico ma lo pulisco con un panno umido ma di questi tempi se non lo prendo dal mio fruttivendolo di fiducia lo immergo rapidamente in una bacinella di acqua freddissima e bicarbonato per mantenere il colore vivo e poi subito subito nel frullatore gelato.

Il pesto poi potete usarlo come condimento per il pesce, la carne o insalate di pasta o riso freddo, aggiungerlo alla quinoa, alle insalate di farro. Insomma un pò a vostro piacimento.

Io vi consiglio di provare i filetti di platessa al pesto.
Che tra le altre cose è la quarta nel ranking di google search!!! Provare per credere.

O sennò… Tagliolini al Pesto e Ricotta di Bufala e granella di Mandorle (questa fatta con il pesto surgelato ad agosto ed è venuta perfetta!)

Altrimenti sciuè sciuè, la pasta: io adoro i fusilli. Fusilli al pesto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una risposta a "Pesto Fresco"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...